La Tuscia .com - Storia di San Famiano - Protettore di Gallese (VT)

Home > Gallese > Speciale San Famiano >

Storia di San Famiano

Nel 1150, un monaco di origine tedesca, di nome Quardo arrivò nel territorio di Gallese dopo aver compiuto un lungo viaggio.

San Famiano - Protettore di GalleseNato a Colonia nel 1090, Quardo, all’età di diciotto anni, aveva deciso di intraprendere un pellegrinaggio che l’avrebbe condotto attraverso i più importanti santuari e luoghi di culto d’Europa. Partì per Compostela, quindi, ma prima Quardo si fermò nel piccolo monastero dei SS. Cosma e Damiano dove prese i voti religiosi e rimase per venticinque anni.

Giunse in Italia nel 1150, di ritorno da un pellegrinaggio in Terra Santa, e, proprio a Roma – che doveva essere l’ultima tappa del suo santo percorso – gli si presentarono in sogno gli Apostoli Pietro e Paolo, indicandogli la città di Gallese come meta ultima del suo pellegrinaggio.

Il 17 luglio 1150 Quardo arrivò nel territorio gallesino e si fermò, per riposarsi, all’ombra di una vecchia quercia, in una località di campagna a circa tre chilometri dal centro del paese. Stremato dalla sete, in quel giorno caldo d’estate, colpì con il suo bastone da pellegrino una parete tufacea da cui sgorgò, miracolosamente, una fonte di acqua.

San Famiano - Protettore di GalleseLa sorgente esiste ancora e si dice che abbia prodotto grandi prodigi. Quello dell’acqua, infatti, venne subito considerato il primo miracolo del Santo nel territorio di Gallese e, a ricordo del mirabile avvenimento, venne eretta sul luogo una chiesetta – San Famiano a Lungo – tutt’oggi meta di pellegrinaggio il 17 luglio di ogni anno.

Una volta entrato in paese, Quardo fu ospitato da un signorotto del luogo, Ascaro,  che , affetto da una grave malattia, trovò la guarigione grazie all’intercessione di Quardo.

Ormai vecchio e malato, il monaco espresse il desiderio ultimo di voler trovare sepoltura in una grotta ai piedi della collina appena fuori dal paese, e nei pressi di un corso d'acqua. L'8 agosto 1150, giorno della sua morte, tutto il popolo di Gallese onorò la salma trasportandola nel luogo indicato dove ebbero inizio le prime guarigioni miracolose. Durante il funerale due vecchi sordi riconquistarono l’udito.

San Famiano - Protettore di GalleseQuattro anni appena dalla sua morte il papa Adriano IV canonizzò Quardo, mutando il suo nome in Famiano a testimonianza della fama dei suoi miracoli. La Basilica di San Famiano (1244-1285) fu costruita sopra la grotta dove le spoglie incorrotte del santo pellegrino riposano ancora oggi. Da allora sono molte le testimonianze di suoi interventi miracolosi.

Nel mese di agosto ogni anno la popolazione di Gallese celebra il santo patrono, specialmente la sera del 7 agosto (La Bengalata) e l’indomani (Palio e Corteo Storico di San Famiano).

La Basilica oggi è curata dalla Confraternità di San Famiano.

fonte: Associazione Culturale Halesus

Informazioni generali
Gallese


Abitanti: 2824
Come arrivare a Gallese:
Da Roma, via Flaminia fino a Civita Castellana e proseguimento per Gallese. Dall'autostrada del Sole, uscita al casello di Magliano Sabina.
Distanze:
Viterbo Km. 35. Roma Km. 70. Firenze Km. 210. Siena Km. 168. Perugia Km. 102. Orvieto Km. 61. Mare (Tarquinia) Km. 83.

Dormire a Gallese

» Agriturismo a Gallese
» Bed and Breakfast a Gallese

Mangiare a Gallese

» Pizzeria a Gallese
» Trattoria a Gallese
» Agriturismo a Gallese

Festa di San Famiano
Tiberweb - Promozione e realizzazione siti web Viterbo